Conserve di qualità promosse dallo chef

Una sera papà Bruno siede a tavola torvo: "alzarsi tutte le mattine all'alba per andare al mercato, sbotta, e poi sentirsi dire che i pomodori di altre parti del mondo sono più belli, più lucidi, più grandi..." A mamma Daniela viene un idea: " perchè non prepariamo la conserva? - cosi chi l'assaggia capisce che i nostri sono più buoni! " L'intera famiglia passa la notte a cuocere e invasare salsa. La mattina dopo il papà torna prima del solito, con il camion vuoto: ha venduto tutta la conserva e anche tutti i pomodori.
Contadini da quattro generazioni, i fratelli Bruno e Mauro Pisaroni hanno un azienda agricola di 70 ettari: Cascina Pizzavacca, a Soarza di Villanova sull'Arda. La campi da sempre coltivati in gran parte a mais, frumento barbabietole e qualche ortaggio. Le colture industriali non sono più remunerative, ma i loro due figli non vogliono abbandonare l'azienda. "La conserva di pomodoro..." - ricorda Emanuele Pisaroni, figlio di Bruno - "...per me era la conferma di quanto convenisse trasformare i prodotti anzichè venderli freschi, tenendo viva la tradizioni contadine e la cultura del nostro territorio".
Emanuele frequenta agraria a Piacenza e insegue l'intuizione di mettere a punto un sistema per non utilizzare né conservanti né coloranti. Chiede aiuto ai suoi professori e intanto cerca tecnologie e finanziamenti. Appena laureato convoca un consiglio di famiglia e sottopone a papà, zio e cugino, anche lui laureando in agraria, il suo progetto. I due titolari approvano e iniziano a pianificare la messa a dimora di alberi da frutta e ortaggi. I ruoli restano gli stessi: Mauro e il figlio Filippo a occuparsi di campagna "di là dal portico" e Bruno ed  il figlio Emanuele  "di qua" nel grande e antico fabbricato a riprendere le ricette dei prodotti tipici e sperimentare nuove tecniche di trasformazione delle materie prime agricole.

Leggi tutto: Conserve di qualità promosse dallo chef

Experimenta-San Patrignano